L'Inchiesta Quotidiano OnLine
sportello acea sportello acea

Acea Ato 5, bilancio approvato senza firme di collegio sindacale e revisori. C'e' solo l'ok dei soci

Acea Ato 5, bilancio approvato ma collegio sindacale e revisori non firmano. Da quando Acea ha scoperto l'acqua è forse la prima volta che un bilancio del servizio idrico  viene approvato senza la piena certificazione degli organi di vigilanza e controllo. E' quanto accaduto lo scorso 31 maggio durante l'assemblea dei soci di Acea Ato 5 Spa, convocata appunto per licenziare il bilancio 2020. In realtà, l'assemblea dei soci aveva già provato a varare il documento contabile la settimana prima, il 27 maggio, ma la riunione era stata rinviata di qualche giorno a seguito di diversi rilievi mossi proprio su alcuni dati inseriti nel bilancio, che non convincevano e dovevano essere rivisti.

Il lunedì successivo, con i numeri tutti al posto giusto, i soci hanno potuto dare l'ok ai conti del 2020, ma per la prima volta il bilancio non è stato 'certificato'. Sia i componenti del collegio dei sindaci, sia i revisori contabili della pregiata società esterna che si occupa del controllo non hanno espresso il  loro parere. Tra l'altro, la certificazione del bilancio da parte di società terze appositamente abilitate è un preciso obbligo contrattuale che Acea Ato 5 ha assunto con la firma della Convenzione di gestione del servizio idrico. Ma tant'è. Al momento non è dato sapere di più sulle motivazioni di questa scelta. Il bilancio non risulta ancora pubblicato sui siti di Acea.

Di certo sulla posizione assunta da sindaci e revisori possono aver pesato e non poco, da una parte, l'esito dell'inchiesta della magistratura ciociara sulla gestione di Acea Ato 5 fino al 2017 e, dall'altra parte, l'incertezza sulle tariffe che debbono essere applicate nel quadriennio (2020-2023) con le conseguenti ricadute sulle iscrizioni in bilancio. Quanto alla prima vicenda, come noto, l'inchiesta condotta dalla procura della repubblica di Frosinone si è chiusa con il rinvio a giudizio per falso in bilancio non solo degli ex amministratori dell'azienda idrica (a cui è contestata anche la frode nelle pubbliche forniture) ma anche di alcuni componenti del Collegio sindacale (che hanno l'obbligo di vigilanza) e di alcuni revisori contabili esterni (su cui grava l'obbligo di controllo contabile e di giudizio), oltre che di due dirigenti della Segreteria tecnico operativa dell'Ato5.

Le contestazioni della procura – che adesso passeranno comunque al vaglio della fase dibattimentale – hanno però ingessato l'attività degli organi di controllo e revisione, che si sono mossi con la massima attenzione e perizia. L'incertezza sugli incassi delle bollette ha fatto il resto: ad oggi non è chiaro quali saranno, alla fine della giostra, le tariffe con cui verranno monetizzati i consumi degli utenti. Quelle molto più basse predisposte a marzo dai sindaci o quelle più elevate richieste già a dicembre scorso da Acea Ato 5 davanti all'inerzia dei primi cittadini? In ballo ci sono oltre 20 milioni di euro in 4 anni. L'amministratore delegato di Acea Ato 5, Roberto Cocozza – ora plenipotenziario dopo l'uscita di scena del presidente Palmigiani – è convinto che le tariffe giuste siano quelle computate dall'azienda idrica e che i sindaci abbiano sbagliato i conti, non ammettendo diversi costi previsti e in parte già sostenuti da Acea, ritrovandosi così con i bilanci in rosso.

I sindaci, a partire da quello di Ferentino Antonio Pompeo, che è anche presidente della Provincia e dell'Ato5, sono stra-convinti che le tariffe da loro predisposte siano pienamente legittime e corrette: quel­lo affidato al gestore è un piano finanziario ed economico che sta in perfetto equilibrio ed al quale l'Acea deve adeguarsi (non viceversa). E' per questo che – come noto – Acea, Ato5 e ben 86 Comuni (tutti portati in tribunale dal Gestore, tanto per farsi benvolere senza eccezioni!) si fronteggeranno davanti al Tar il prossimo 15 dicembre.

CESIDIO VANO

Frosinone

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604