L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Guido Angelozzi (foto Frosinone calcio) Guido Angelozzi (foto Frosinone calcio)

Calciomercato Frosinone, il bilancio di Angelozzi: gettate le basi per un grande futuro

Una conferenza stampa ricca di contenuti per tracciare il bilancio complessivo al termine della finestra estiva di trasferimenti. Guido Angelozzi, direttore dell’area tecnica del Frosinone, è tornato a parlare nella mattinata odierna rispondendo alle domande dei cronisti. Lui, l’architetto della rifondazione giallazzurra che ha progettato e concretizzato un mercato da manuale. A comunicare in modo eloquente sono i fatti e l’auspicio di tutto l’ambiente, rigenerato da una campagna acquisti che definire sontuosa forse appare riduttivo, è che anche il campo possa esprimersi nel miglior modo possibile.  

Lungimiranza e abilità - Diciannove ingressi in entrata e ben 24 uscite tra fine prestiti, svincolati, rescissioni e cessioni. Questo il totale dei movimenti giunti a compimento e guidati da un grande quanto arduo obiettivo: abbattere il monte ingaggi, inserendo soprattutto giocatori giovani che possano rappresentare un patrimonio per il presente e per il futuro. Cogliendo, poi, con estrema abilità le opportunità di lusso tra gli svincolati: «Sinceramente - le parole dell’esperto dirigente - alcune situazioni non erano state programmate, eravamo partiti per fare un certo tipo di mercato che prevedeva il ringiovanimento della squadra, l’abbassamento dei costi e quindi andare a formare un gruppo seguendo una linea ben definita. Man mano che si andava avanti con i giorni, sono accadute delle cose che non si ipotizzavano, come ad esempio la mancata iscrizione del Chievo che ha fatto liberare dei giocatori importanti. Grazie alla nostra proprietà siamo stato bravi ad inserirci su questi giocatori e portarli qui al Frosinone». Il riferimento va agli ex clivensi Cotali, Garritano e Canotto. Un discorso a parte lo merita il centrocampista ex Spezia, Ricci. Un colpo a dir poco sensazionale, visto lo spessore del calciatore: «Strada facendo - ha spiegato Angelozzi - abbiamo cambiato obiettivo perché si sono prospettate situazioni nuove, alludo a quelli del Chievo che sarebbero stati impossibili da prendere. E poi vogliamo parlare anche di un certo giocatore come Ricci, convocato in nazionale: la nostra società non si è fatta sfuggire queste possibilità, con un adeguato sacrificio grazie ad una particolare attenzione sul mercato. Abbiamo messo sotto contratto giocatori funzionali al nostro programma triennale, gente che per 4-5 anni sarà importante per questo Frosinone. Mi riallaccio al programma triennale: all’improvviso non si può abbassare tutto, far fuori certi giocatori e ripartire. Abbiamo quindi costruito una base su quel programma, inserendo tanti giovani che col tempo diventeranno pronti. Potevamo abbassare un po’ di più il monte ingaggi, attualmente forse è leggermente inferiore a quello dello scorso anno. Ma stiamo comunque cercando di arrivare ad una base che ci porti ad avere un monte ingaggi sostenibile». 

LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE SU "L'INCHIESTA DI SERA"

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604