L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Il comune di Cervaro

Cervaro, Raviele (Pd): centro anziani inattivo da tempo, l'amministrazione reperisca una sede

Il segretario del circolo del Pd di cervaro del Partito Democratico ha inviato una lettera al Sindaco e all'Assessore ai Servizi Sociali della città: "la possibilità di riprendere le attività in centri culturali, sociali e ricreativi, dal 1° luglio 2021, è prevista all’interno del Decreto Legge n. 65 del 18 maggio 2021, con esclusione delle attività in sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso.  A Cervaro, il Centro Sociale per Anziani è ormai inattivo da molto tempo. E non solo a causa della pandemia da Covid -19 che da diciotto mesi preoccupa tutti i cittadini. Sono ben note le vicissitudini che, con le dimissioni del “Comitato di Gestione”, hanno comportato, per effetto dell’automatismo del regolamento in vigore, il conseguente commissariamento del Centro Sociale per Anziani. Orbene, ancora nulla è emerso in ordine alla riapertura di questo importante punto di riferimento dei cittadini della terza età. Si tratta di una situazione che incide in maniera severa su questa categoria di persone che, stante la carenza di altre forme di aggregrazione sociale sul territorio comunale, non hanno la possibilità di poter sviluppare appieno la propria personalità con iniziative culturali, di svago e di intrattenimento proprie della loro età".

"Si consideri che la legge regionale n. 11/2016 inserisce i centri di accoglienza residenziali o diurni a carattere comunitario tra i livelli essenziali delle prestazioni sociali e stabilisce, altresì, all’art. 13 che il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali debba sostenere la tutela e la valorizzazione delle persone anziane. Purtroppo gli anziani subiscono le carenze e manchevolezze dell’amministrazione comunale - attacca Raviele - che dopo aver usufruito dei locali nei quali insisteva la sede del Centro Sociale per Anziani (locali nei quali adesso si trovano gli uffici dell’anagrafe e altro) non si è preoccupata, o non è riuscita, ad individuare una nuova sede per gli iscritti. Non è ammissibile che tale situazione persista oltremodo. L’impulso alla riapertura di tale struttura è compito indefettibile dell’Amministrazione Comunale e in particolare dell’Assessore ai Servizi sociali che, quale figura istituzionale competente in materia, riveste ai sensi della normativa regolamentare vigente, la carica di Commissario del Centro Sociale Diurno per Anziani. Tra l’altro nella miriade delle Consulte istituite dal Comune di Cervaro (iniziativa sicuramente lodevole) manca una Consulta per le problematiche e tematiche degli anziani (c’è però quella per le politiche giovanili!)".

"Né si è a conoscenza - aggiunge e conclude l'esponente dem - se il Regolamento (Statuto) attuale sia stato modificato con le opportune variazioni indicate dalla Giunta Regionale del Lazio su proposta dell’Assessorato alle Politiche Sociali, Welfare ed Enti Locali indicanti le “Linee Guida regionali per i centri anziani del Lazio”. "l Partito Democratico, Circolo di Cervaro, chiede che l’Amministrazione si attivi per ricercare una sede e voglia attenersi alle Linee Guida Regionali per i centri anziani. E su questa problematica insisteremo affinché si pervenga ad una soluzione che consenta agli utenti di iniziare un nuovo percorso di inclusione e partecipazione sociale".

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604