L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Andrea Iervolino Andrea Iervolino

Festa del Cinema di Roma, il produttore cassinate Andrea Iervolino accompagna Johnny Depp

Con circa tre ore di ritardo, perché 'intrappolato' dai fan nell'hotel di Roma in cui alloggia, Johnny Depp ha fatto ieri il suo ingresso sul red carpet di Alice nella Città, la sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma dedicata agli esordi, alle nuove generazioni e al talento, diretta da Fabia Bettini e Gianluca Giannelli. Ad accoglierlo l'affetto di tantissimi fan. Tra questi c'è chi ha scritto un cartello per l'attore con 'Siamo tutti qui per te, non staremo zitti davanti all'ingiustizia', in riferimento alla battaglia legale in corso con la ex moglie Amber Heard, che lo ha accusato di violenza.

L'attore è atterrato nella Città eterna per presentare 'Puffins', la web-serie animata nata come spin-off del film di successo 'Arctic - Un'avventura glaciale' a cui ha prestato la sua voce all'uccellino pirata Johnny Puffins. Un progetto italiano dal respiro internazionale, prodotto da Ilbe di Andrea Iervolino e Monika Bacardi. "Johnny ha inventato una nuova lingua per animare questo personaggio e si è divertito molto- ha detto Iervolino- Il progetto è stato realizzato con un budget ad alto rischio per un mercato indipendente. Centosessanta artisti italiani, 46,2% donne e oltre novanta Paesi nel mondo coinvolti nella distribuzione.

"Facciamo 'made in Italy' e lo vendiamo in tutto il mondo", ha aggiunto Lady Bacardi. In conferenza, tutti gli occhi puntati sulla star amatissima dal pubblico di ogni età. "Io sono cresciuto con i film in bianco e nero, all'età di 5 o 6 anni vedevo Charlie Chaplin e Buster Keaton. La sfida del cinema muto era esprimere i sentimenti senza la voce", ha detto Depp. "Lavorando a 'Puffins' ho pensato a cosa potesse far divertire i bambini attraverso la voce. Con questo progetto- ha continuato- volevo fare qualcosa di stravagante, ho riletto di libri dello zoologo Desmond Morris, ho fatto tante ricerche per capire quali fossero le reazioni dei bambini a certi suoni suoni o alle facce strane. Ho pensato che sarebbe stato bello inventare un nuovo linguaggio. I produttori hanno avuto la pazienza di aspettarmi".

Attore di fama internazionale, carriera 'stellare' e tanto affetto da parte dei fan ma il successo più grande "sono sicuramente i miei figli. Niente è paragonabile a loro", ha dichiarato il 'pirata dei Caraibi'. Per quanto riguarda il lavoro "credo che nessun interprete debba mai essere soddisfatto perché la soddisfazione è la morte, significa che non ti puoi più spingere oltre". Perché Johnny Depp ha accettato di lavorare a 'Puffins'? "Molti giovani si sentono a disagio perché sui social si confrontano solo con la perfezione, in cui non ci si rivedono.
Un giorno - ha raccontato Iervolino - Johnny mi ha raccontato che sua figlia Lily-Rose (attrice come il papà, ndr) a 5 anni non si sentiva bella perché non assomigliava ad una Barbie. Così Depp e sua moglie l'hanno portata in giro per mostrarle che non esistono solo Barbie e che la normalità è un'altra". Il produttore ha poi concluso: "Lui è una persona buona, un grande artista e un papà che si è preso cura di sua figlia in un momento di crisi. Per questo ha accettato di fare i 'Puffins'".

Depp, lontano dal grande schermo da un po', tornerà a fare film? "Vorrei ancora lavorare nel cinema, ma voglio stare lontano dalla macchina da presa che sfrutta battute scontate e diretta da registi famosi. Voglio stare lontano da progetti del genere. Mi piacerebbe lavorare con persone che hanno qualcosa da dire, anche una pellicola girata da una quindicenne con un cellulare", ha detto il divo. L'attore, però, non crede che questo "sia possibile a Hollywood perché lì mancano capacità e conoscenza. E' un luogo di vacanza, non mi interessa". Johnny Depp sarà protagonista di una masterclass alle 19 all'Auditorium Conciliazione per ripercorrere i personaggi che ha interpretato e che sono riusciti a entrare nell'immaginario di diverse generazioni, rendendolo uno degli attori più amati di sempre da 'Edward mani di forbice' a 'La fabbrica di cioccolato', passando per la serie cinematografica 'I Pirati dei Caraibi' e ancora 'Alice in Wonderland', 'Alice attraverso lo specchio' e 'Neverland - Un sogno per la vita'.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604