L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Tommaso Malandruccolo, consigliere comuale della maggioranza del sindaco Coletta Tommaso Malandruccolo, consigliere comuale della maggioranza del sindaco Coletta

Elezioni provinciali Latina, Malandruccolo: la vera sfida e' sui contratti di fiume e di citta'

"L'imminente rinnovo del Consiglio e della Presidenza Provinciale rappresenta una fase assai importante per il territorio pontino, mai come adesso dove le opportunità offerte dal PNRR chiamano le amministrazioni locali al salto di qualità nella pianificazione territoriale. Pianificazione mortificata dal depotenziamento di un ente sovraccomunale come la Provincia, che invece può svolgere un ruolo di coordinamento di interventi vasti proprio sugli argomenti preponderanti del PNRR. Riqualificazione ambientale, transizione ecologica, non solo intesa come energetica, ma dei sistemi di produzione e sostenibilità a tutto tondo": lo evidenzia il consigliere comunale di Latina Tommaso Malandruccolo in una lettera aperta. 

"L’ente provinciale assume quindi una funzione strategica proprio sulle questioni più urgenti, come le variazione climatiche, che richiedono opere multisettoriali che non riguardano soltanto l’abbattimento della CO2, ma più in generale intervengono anche nella mitigazioni di effetti climatici evidenti, come i fenomeni a carattere alluvionale, a volte violenti e per nulla trascurabili, che fanno emergere tutta la fragilità del territorio pontino del quale  dimentichiamo, troppo spesso, la natura artificiale. Non è solo una questione di manutenzione ordinaria, gli effetti di una mancata pianificazione di utilizzo e conservazione delle acque interne, in uso soprattutto dall’agricoltura, che nel territorio pontino sta assumendo sempre di più un ruolo di traino economico, pone la questione di quelle programmazioni multilivello note come i contratti di fiume, lago, costa e foce. Questi strumenti di pianificazione negoziata strategica sono ormai gli unici che possono far confluire risorse importanti, proprio perché sono riconosciuti come di governance nell’ultimo collegato ambientale (art. 68-bis "Contratti di Fiume" del D.Lgs 152/2006). Solo un ente sovraordinato come la Provincia può realizzare una pianificazione integrata di questo tipo". 

Secondo Malandruccolo, quindi, "Il tema delle risorse idriche in provincia di Latina diventerà un argomento rilevante proprio per la fragilità del territorio artificiale, non solo dissesto idrogeologico con i danni che sono ricorrenti e a tutti evidenti, ma anche la questione della preservazione delle falde dai cunei salini provocati dall’escavazione di pozzi ed emungimenti abusivi, con il pericolo che questo comporta per il consumo umano di tale risorsa. La Provincia di Latina in tal senso si è distinta nell’ultimo periodo proprio per la determinazione con la quale sta portando avanti, come ente coordinatore, i contratti di fiume e di città dell'Agro Pontino e dell'Amaseno, giunti ormai alla scrittura del piano di azione per la firma dei suddetti al Ministero dell’Ambiente. Questo importante coordinamento territoriale svolto dalla Provincia, con un assetto al limite dell’agibilità delle risorse umane, rappresenta una sfida che auspico sia accolta dalla nuova Presidenza come elemento cardine di una riqualificazione integrata delle acque, tema centrale di nascita e trasformazione della terra pontina", conclude Malandruccolo.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604