L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Fondi, Ciccone chiede controlli, videosorveglianza e ripristino dell'arredo urbano in Piazza De Gasperi

Durante la seduta di Consiglio Comunale dello scorso 30 Novembre, il Capogruppo di Fondi Vera Francesco Ciccone ha presentato un’interpellanza verbale diretta al Sindaco ed all’Assessore all’arredo urbano relativamente alle condizioni in cui versa Piazza de Gasperi, lo spazio all’aperto più ampio del centro urbano inaugurato solo dieci anni fa, e colpito da evidenti criticità.

Questo il testo completo dell’interpellanza:

“Gentile Sindaco, gentilissima Assessore Stravato, da più parti, non solo al sottoscritto ma anche a colleghi dell’Opposizione, giungono segnalazioni e lamentele per le criticità che emergono in tutta la loro nitidezza relativamente all’immagine di Piazza de Gasperi, comunemente e impropriamente chiamata Anfiteatro.

Nel 2016, all’appello lanciato dall’Associazione Amici Diversi, risposero 740 Cittadini, che aderirono alla Petizione che aveva come obiettivo, tra gli altri, l’installazione di bagni pubblici e la riapertura della fontana pubblica preesistente. Nella seduta della massima assise del 30 Settembre 2016, il Consigliere Mario Fiorillo presentò un’interpellanza al Sindaco, chiedendo quale risposta intendesse dare alla Petizione. L’allora primo cittadino De Meo rispose di aver chiesto agli Uffici di verificare la possibilità di ripristinare il fontanino, mentre sull’ipotesi dei bagni pubblici si pronunciò favorevolmente all’idea di portare in discussione la proposta in Commissione Lavori Pubblici per ragionare sulla fattibilità della stessa. Cosa che avvenne a Dicembre dello stesso anno, tre mesi dopo la presentazione della Petizione.

Meglio tardi che mai verrebbe da dire.

Alla Commissione fu invitata a partecipare anche una delegazione dell’Associazione promotrice dell’iniziativa, a testimonianza di come sia possibile (d’altronde lo dice chiaramente anche il Regolamento degli Organi), e secondo me anche molto proficuo, ascoltare direttamente durante le sedute di Commissione Consiliare le realtà associative, i comitati, coloro che hanno a cuore le tematiche che di volta in volta si affrontano. Peccato che cinque anni fa le richieste espresse dall’Associazione Amici Diversi, legittime e condivise da centinaia di concittadini, furono quasi per intero rispedite al mittente. almeno quelle relative a Piazza de Gasperi.

A distanza di cinque anni i problemi dello spazio all’aperto più ampio del centro urbano si sono moltiplicati. Sono all’ordine del giorno atti vandalici ai danni del Monumento ai Caduti, alle sedute ed agli elementi di arredo urbano della Piazza, sono evidenti i rischi legati al transito di biciclette in quella che dovrebbe essere un’area pedonale, gli angoli della piazza sono diventati col tempo ricettacolo di deiezioni canine e rifiuti. Non è tutto però, perché è evidente ai più che le stesse gradinate dell’anfiteatro presentano criticità, i punti luce non sono completamente funzionanti, la stessa pavimentazione dell’area è in diversi tratti compromessa (come d’altronde per Piazza Unità d’Italia e Viale Vittorio Emanuele III), e mi auguro a tal proposito che gli uffici preposti possano verificare con un sopralluogo sul posto quanto sto esponendo.

Voglio ricordare che la “nuova” Piazza de Gasperi ha soltanto dieci anni di vita, è stata inaugurata, per così dire, a Giugno del 2011. La comunicazione istituzionale dell’epoca la descrisse come “uno spazio polifunzionale che, in comunicazione con Piazza Municipio e l’area pedonale che da Piazza IV Novembre si inoltra fino a Porta Roma, rappresenta un unicum a livello regionale per la vastità della superficie pedonalizzata”. Un’esibizione del Gruppo Folklorico “Città di Fondi” aprì l’evento, proseguito con il taglio del nastro dinanzi al Monumento ai Caduti realizzato dal M° Domenico Purificato, inaugurato il 4 Novembre 1970, ricollocato nell’area a seguito di un restauro conservativo.

Il Sindaco De Meo definì “storica” la cerimonia di inaugurazione poiché «interventi urbanistici così complessi ed articolati segnano la vita di una comunità per decenni”. Dopo dieci anni sono convinto che sia ancora così.

Oggi la vicinanza, la prossimità con il Centro Anziani credo debba portare quest’Amministrazione Comunale a concentrare sforzi ed energie per restituire sicurezza, salubrità e decoro all’intera area. E per questo motivo sono a chiedere al Sindaco ed all’Assessore all’arredo urbano Stravato:

  • se è intenzione di quest’Amministrazione Comunale preservare l’integrità di Piazza de Gasperi;
  • se è nei programmi di quest’Amministrazione Comunale un intervento sull’arredo urbano della stessa area;
  • se è previsto un potenziamento dell’impianto di videosorveglianza al fine di scongiurare danneggiamenti;
  • se siete d’accordo con me nel chiedere alla Polizia Locale un maggior controllo della zona in questione;
  • se pensate possa essere utile impiantare servizi igienici adeguati, soprattutto nel periodo estivo;
  • se è condivisa l’idea di limitare l’accesso all’area da parte di veicoli che deturpano la pavimentazione della Piazza”.

 

 

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604