L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Il Tribunale di Cassino Il Tribunale di Cassino

Presunzione d'innocenza, l'intervento dell'Unione Italiana Forense, sezione Cassino

Presunzione d'innocenza, interviene con una nota la Sezione di Cassino dell'Unione Italiana Forense presieduta dall'avvocato Antonio D'Alessandro. E lo fa a nome dell'Avv. Manlio Sera, Responsabile dell'Area Penale, prendendo posizione sul delicato tema. 

«Nel diritto e nella procedura penale, la presunzione di non colpevolezza è il principio secondo cui un imputato è innocente fino a prova contraria. In particolare, l’art. 27, co. 2, della Costituzione afferma che "l’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva" » ricorda la nota diffusa in queste ore. 

«Tale principio - si aggiunge - risponde a due esigenze fondamentali: affermare la presunzione di innocenza e prevedere la custodia cautelare prima dell’irrevocabilità della sentenza, perché l’imputato non sia assimilato al colpevole fino al momento della condanna definitiva. 

Ciò comporta il divieto di anticipare la pena, mentre consente l’applicazione delle misure cautelari. Tale regola, delineata dalla Corte costituzionale (sent. n. 124/1972), è meglio precisata nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo (art. 6), in base alla quale "ogni persona accusata di un reato è presunta innocente sino a quando la sua colpevolezza non sia stata legalmente accertata"

Sulla base di questo principio, non è compito dell’imputato dimostrare la propria innocenza, che deve essere, appunto, presunta, bensì dell’accusa dimostrare la sua colpevolezza. 

Posta la presunzione di innocenza, per poter dichiarare pubblicamente che un individuo è colpevole è quindi necessaria la prova, oltre ogni ragionevole dubbio, che egli è il responsabile del reato, dimostrando che ne è stato effettivamente l'autore. Nelle ipotesi in cui la prova manchi, sia insufficiente o contraddittoria, il giudice dovrà emettere sentenza di assoluzione.

Troppo spesso, tuttavia, l’applicazione del diritto nelle aule di giustizia presenta aspetti differenti e non sempre corrispondenti alle norme scritte.

Finalmente dopo 74 anni la presunzione di innocenza dell’imputato, scritta nella Costituzione del 1947 e sollecitata dall’Europa già da cinque anni, è diventata legge. 

E’ infatti stato approvato il decreto legislativo che recepisce e dà attuazione alla Direttiva 2016/343 dell’Unione europea. 

All’apparenza si tratta di una rivoluzione nei rapporti tra giustizia e informazione. 

Si prevede, infatti, che la diffusione di informazioni sui procedimenti penali “è consentita solo quando è strettamente necessaria per la prosecuzione delle indagini o ricorrono altre rilevanti ragioni di interesse pubblico” e comunque le informazioni devono essere fornite “in modo da chiarire la fase in cui il procedimento pende e da assicurare, in ogni caso, il diritto della persona sottoposta a indagini e dell’imputato a non essere indicati come colpevoli fino a quando la colpevolezza non è stata accertata”.  È posto il “divieto di assegnare ai procedimenti pendenti denominazioni lesive della presunzione di innocenza”, come ad esempio “Mafia capitale”; così come è vietato alle autorità pubbliche di “indicare pubblicamente come colpevole la persona sottoposta a indagini o l’imputato fino a quando la colpevolezza non è stata accertata con sentenza o decreto penale di condanna irrevocabili”. 

La violazione di queste prescrizioni comporta sanzioni penali e disciplinari, l’obbligo di risarcimento del danno e, su richiesta dell’interessato, il diritto di rettifica della dichiarazione, con le medesime modalità, entro 48 ore, salvo il diritto dell’indagato o imputato di rivolgersi al giudice civile per ottenere la pubblicazione con provvedimento d’urgenza. Riguardo all’informazione giudiziaria, si stabilisce che il procuratore della Repubblica “mantiene personalmente” i rapporti con gli organi di informazione “esclusivamente tramite comunicati ufficiali” oppure, “nei casi di particolare rilevanza pubblica dei fatti, tramite conferenze stampa”. Anche la forma dei provvedimenti giudiziari diversi dalle sentenze deve rispettare la presunzione di innocenza, perché si stabilisce che la persona sottoposta a indagini o l’imputato “non possono essere indicati come colpevoli fino a quando la colpevolezza non è stata accertata” in via definitiva. E anche nei provvedimenti che presuppongono la valutazione di prove, elementi di prova o indizi di colpevolezza (come ad esempio le ordinanze che applicano misure cautelari) il magistrato deve limitare i riferimenti alla colpevolezza dell’indagato alle “sole indicazioni necessarie a soddisfare i presupposti, i requisiti e le altre condizioni richieste dalla legge per l’adozione del provvedimento”

Sembrerebbe una rivoluzione copernicana, ma l’ordinamento giudiziario prevede già dal 2006 un regime molto più severo ma ignorato. 

È prescritto infatti che «il procuratore della Repubblica mantiene personalmente, ovvero tramite un magistrato dell’ufficio appositamente delegato, i rapporti con gli organi di informazione. Ogni informazione inerente alle attività della Procura della Repubblica deve essere fornita attribuendola in modo impersonale all’ufficio ed escludendo ogni riferimento ai magistrati assegnatari del procedimento. È fatto divieto ai magistrati della Procura della Repubblica di rilasciare dichiarazioni o fornire notizie agli organi di informazione circa l’attività giudiziaria dell’ufficio. Il procuratore della Repubblica ha l’obbligo di segnalare al consiglio giudiziario per l’esercizio del potere di vigilanza e di sollecitazione dell’azione disciplinare, le condotte dei magistrati del suo ufficio che siano in contrasto col divieto fissato al comma 3» (art. 5 d.Lgs. 20 febbraio 2006, n. 106, cit.). 

In sintesi, pare lecito porsi un interrogativo: “se la legge prevedeva già prima questi limiti, perché ripeterli?”. Semplicemente perché sono quotidianamente violati. 

Altrettanto lecito, per quanto utopica, è la speranza che d’ora in avanti cambi qualcosa nei rapporti tra pubblici ministeri e organi di informazione, che smettano di essere celebrati i processi mediatici, e soprattutto che le sentenze dei giudici possano finalmente contare più delle indagini dei PM»

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604