L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Sant'Elia Fiumerapido, appello per salvare gli affreschi della cappella della Madonna degli Angeli

E ora basta con questa pantomima della non competenza! E’ da tempo che cerco in tutti i modi di richiamare l’attenzione sui pericoli di disfacimento che corre la quattrocentesca cappella della “Madonna degli Angeli” a Sant’Elia Fiumerapido ma si fanno orecchie da mercante soprattutto da parte dell’Amministrazione Comunale. Anzi, peggio. Per lavarsene vergognosamente le mani accampano motivi di “non loro competenza” per via che potrebbe essere privata ma non se ne conosce il proprietario. Bene: un proprietario privato quella cappelletta non l’ha.

Fu costruita nel 1448 dall’Abbazia di Montecassino e dalla stessa fatta affrescare nel 1702: è tutto scritto sulle pareti. Un’altra data sta ad indicare la considerazione che Montecassino aveva per la cappella: in occasione del Giubileo del 1681, l’Abate cassinese Sebastiano Biancardi decretò che vi si dispensassero indulgenze plenarie tutti i venerdì dell’Anno Santo. Oggi, chi vi abita nei dintorni la tiene volontariamente pulita e dichiara che non ha proprietari. A noi sembra di capire che proprietaria ne sia la Chiesa. Fatto sta anche, però, che negli anni ’60 del secolo scorso fu il Sindaco di Sant’Elia Giuseppe Di Palma che ne fece rinforzare il tetto per evitare l’infiltrazione di acqua piovana.

Quando si dice la buona volontà! Oggi gli affreschi settecenteschi rischiano di frantumarsi per via di grosse fenditure che attraversano il soffitto aprendo anche squarci che stanno staccando gli intonaci affrescati. Al Comune cercavano il proprietario, chissà perché, ma hanno, come loro solito, lasciato tutto in sospeso. Insomma si rimbalzano la palla come se fosse terra di nessuno e quindi può benissimo essere abbandonata ad un triste ed ignobile destino. Questo si chiama omertosa noncuranza. Il Comune, la Chiesa o altro Ente che sia non ha da spenderci nulla. Si tratta solo di attingere ad appositi fondi regionali. O non è di loro competenza anche fare apposita richiesta? E poi parlano di cultura e di territorio!!   

Benedetto Di Mambro           

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604