L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Nato, Frusone (M5S): il progetto Diana a Torino nelle Officine Grandi Riparazioni. Investimenti e lavoro

"La notizia che la NATO ha ufficialmente selezionato Torino come acceleratore del progetto DIANA è motivo di orgoglio. L’Italia ha partecipato insieme a molte altre candidature in ambito europeo, la selezione è stata dura e Torino è stata scelta per i primi nove acceleratori. Si tratta di un enorme successo per il nostro Paese, un risultato raggiunto grazie anche all'importante lavoro dell'Ambasciatore Francesco Talò, Rappresentante d'Italia presso il Consiglio Atlantico, e di tutti i funzionari della Rappresentanza Permanente d'Italia alla NATO": lo annuncia Luca Frusone, deputato del Movimento 5 Stelle.

Vediamo più in dettaglio cos'è DIANA, acronimo di Defence Innovation Accelerator for the North Atlantic. Si tratta del nuovo incubatore della NATO che riunisce startup, ricercatori scientifici e società tecnologiche con l'obiettivo di sperimentare tecnologie emergenti e dirompenti necessarie a risolvere le sfide della difesa e della sicurezza. Torino è il nodo europeo e la sede sarà posizionata all’interno delle Officine Grandi Riparazioni, a cui si aggiungono in supporto due centri test che serviranno a testare le startup.

A disposizione del nuovo centro vi sarà infatti l’acceleratore Aerospace and advanced hardware, il Centro di supporto e sperimentazione navale (CSSN) della Marina Militare di La Spezia e il Centro italiano ricerche aerospaziali (CIRA) di Capua. Per DIANA la NATO investirà un miliardo di euro spalmati su un arco di 15 anni. I settori su cui concentrerà l'acceleratore sono intelligenza artificiale, biotecnologie e bio-ingegneria per l'avanzamento dell'essere umano, materiali innovativi, tecnologie quantistiche, aerospazio, sicurezza informatica, motori ipersonici, robotica, industria navale, telecomunicazioni ed elettronica.

Il 2022 è l'anno che vede la costituzione della governance e dell'apparato burocratico. Nel 2023 verranno lanciate le prime gare per selezionare e finanziare le startup. La piena operatività è prevista nel 2025. Conclude Frusone.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604