L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Frosinone, il ministro Patuanelli in Tribunale e presso la sede dell'ente camerale

Il ministro dellìAgricoltura Stefano Patuanelli è stato oggi a Frosinone l'ospite d'onore della cerimonia che ha visto piantare la talea dell'albero di Falcone presso il Tribunale di Frosinone alla presenza dei Carabinieri del reparto biodiversità. «Un'iniziativa che vede protagonisti l'ambiente e la legalità - ha commentato lasottosegretaria Ilaria Fontana -. Le radici dalla Sicilia arriveranno a Frosinone. Partecipiamo così al Progetto “Un albero per il futuro”, contribuendo a formare un grande bosco diffuso della legalità».

Insomma a trent’anni dalla strage di Capaci, proseguono le iniziative nel ricordo di Giovanni Falcone e degli uomini della sua scorta. “Germogli di legalità”, voluta dal sottosegretario Ilaria Fontana ha ospitato – appunto - il Ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli. Da oggi e per sempre l'Albero* appena piantato in tribunale a Frosinone ricorderà quel sacrificio.

*“L’albero di Falcone” è una brillante iniziativa del Ministero della Transizione Ecologica nell’ambito del progetto “Un albero per il futuro”, con l’obiettivo della messa a dimora nelle scuole di circa 500mila piantine. Un percorso verso la consapevolezza dell’importanza degli alberi per il contenimento dei cambiamenti climatici e la conservazione ambientale con il supporto dei Carabinieri della Biodiversità. 

Proprio questo supporto ha permesso di arricchire le specie vegetali da donare alle scuole, con un albero simbolo della lotta alle mafie: l’Albero del giudice Giovanni Falcone. Alcune gemme del famoso “Ficus macrophillacolumnarismagnoleides”, che cresce nei pressi della casa del giudice assassinato nel 1992, sono state così accuratamente prelevate e duplicate nel moderno Centro di Pieve Santo Stefano (Ar). Così germoglieranno e fioriranno ancora, anche qui, anche a Frosinone.

Il Ministro alle Politiche agricole ambientali e forestali, Stefano Patuanelli, ha fatto tappa anche presso la sede frusinate della Camera di Commercio di Frosinone Latina, accompagnato dalla Sottosegretaria al Mite Ilaria Fontana. Obiettivo dell’incontro: creare un proficuo dialogo con i rappresentanti di categoria delle principali associazioni e con gli esponenti delle imprese delle due province che hanno preso parte al dibattito, così come evidenziato dal presidente della Camera di Commercio del Basso Lazio Giovanni Acampora che, nel fare gli onori di casa, ha dichiarato: “L’incontro di oggi vuole essere un’occasione di dibattito sulle direttrici di sviluppo del nostro territorio. Stiamo vivendo un momento estremamente complicato perché, ad una pandemia non ancora smaltita, si è aggiunta la crisi energetica e alimentare scatenata dal conflitto russo-ucraino che sappiamo avrà conseguenze di medio-lungo periodo. Le stime del Centro di Ricerca CREA sono di 9 miliardi di euro di maggiori costi in un anno per le aziende agricole a causa del conflitto. L’agricoltura sta affrontando difficoltà di approvvigionamento di materie prime, con conseguenze drammatiche per alcune filiere, come quella zootecnica, cui si aggiungono i danni connessi alla siccità, stimati in 1 miliardo di euro nell’ultimo anno. Il comparto agricolo è di assoluto rilievo nelle province di Frosinone e Latina poiché, on complessivi 680 milioni di euro di valore aggiunto, rappresenta oltre il 40% del valore aggiunto regionale e il 70% delle esportazioni laziali. Occorre garantire continuità economica e una più equa redistribuzione dei costi lungo tutta la filiera. Il Governo è intervenuto con il Decreto Aiuti ma - ha concluso Acampora - occorre fare di più, perchè le imprese colgano l'occasione offerta dal Pnrr e perchè si possa realizzare il cambio culturale del quale necessitiamo per centrare gli obiettivi della transizione ecologica, economica e sociale."

Sulla stessa direzione il Ministro Patuanelli che ha trattato in maniera approfondita le complesse tematiche di settore: “Parto dalle ultime considerazioni del presidente sul tema della transizione. La transizione non può essere un “burrone” nel quale le nostre realtà produttive rischiano di precipitare. Bisogna ripensare ai modelli di business cercando di dare risposte nuove a problemi vecchi. Perché, evidentemente, le considerazioni fatte negli ultimi anni non erano quelle giuste. Il rimbalzo di crescita post pandemia nel quale speravamo viene oggi messo in discussione dal conflitto russo-ucraino, con tutte le difficoltà che ne derivano per il sistema produttivo. Ripeto, servono strumenti nuovi e faccio un esempio su tutti: oggi parliamo degli aumenti del costo dell’energia -problema che si riscontrava già dalla fine dello scorso anno, indipendentemente dal conflitto - se vogliamo creare indipendenza energeticastiamo sbagliando ad andare a cercare ancora su altri mercati. Occorre diversificare. La strada dell’indipendenza energetica si percorre implementando la produzione interna da fonti rinnovabili. Per farlo, occorre un patto tra istituzioni e mondo produttivo per fornire alle imprese tutti gli strumenti necessari. Non possiamo ancora trasmettere incertezza, occorre semplificare ed essere veloci per far sì che tutte le risorse arrivino rapidamente alle imprese. Questo territorio ha tante potenzialità, possiede una vocazione multifunzionale ed ha la possibilità di crescere aprendo le sue eccellenze a nuovi mercati. C’è tanto da fare in questa direzione ma vedo direttrici di ottimismo e, in quest'ottica - ha concluso il Ministro - bisogna dare certezza agli imprenditori agricoli".o quello con la Vicemnistra Todde. Ringrazio Patuanelli per il pragmatismo che lo contraddistingue, fondamentale per uscire da questo periodo. La transizione ecologica si fa tutti insieme ma dobbiamo avere la capacità di creare i presupposti per una sostenibilità economica, sociale e ambientale

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604