L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Latina, alla Casa del Combattente la ricostruzione dei fatti di Cefalonia e il dossier Marocchinate

Si terrà Venerdì 17 Giugno 2022, dalle ore 17:30, presso il plesso “Casa del Combattente” (Piazza San Marco n. 4 – Latina) la conferenza tematica “Dossier Segreto dei Crimini Francesi “Le Marocchinate”, a cura dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate Onlus (cfr. ANVM), con relatore il Dott. Emiliano Ciotti (Presidente Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate Onlus), al quale interverrà, altresì, l’Avv. Simone Di Leginio (Presidente Associazione Nazionale Combattenti e Reduci - Federazione Provinciale di Latina nonché Sezione di Latina “Ten. Col. Gelasio Caetani” - Componente di Giunta Esecutiva Nazionale), quale quarto appuntamento della rassegna denominata “1940-1945: La Guerra degli Italiani”, inaugurata lo scorso 23 Aprile alla presenza delle massime autorità civili e militari territorialmente competenti.

Si è, invece, precedentemente tenuta Sabato 21 Maggio 2022, dalle ore 17:30, sempre presso il plesso “Casa del Combattente” in Latina, l’interessantissima conferenza tematica dal titolo “La presenza Italiana nelle Isole Ionie e nel Dodecaneso: Cefalonia e Kos, per non dimenticare”, a cura del Comm. Col. Pietro Giovanni Liuzzi (Presidente del Comitato Caduti di Kos 1943), al quale è altresì intervenuto, in qualità di moderatore, l’Avv. Simone Di Leginio alla presenza di una numerosa e partecipata rappresentanza cittadina.

Dettagliata e pregevole la ricostruzione storica operata dal Comm. Col. Pietro Giovanni Liuzzi sugli avvenimenti bellici della Seconda Guerra Mondiale, che hanno interessato le truppe italiane all’epoca inquadrate nel Regio Esercito Italiano nelle Isole Ionie e nel Dodecaneso e, in particolare, a Cefalonia e Coo/Kos.

Significativa ed accurata la relazione storica sull’estremo sacrificio compiuto, in termini di vite umane, dai fanti e dagli ufficiali della 33a Divisione di Fanteria “Acqui” a Cefalonia e del 10° Reggimento di Fanteria “Regina” a Coo/Kos (in seguito tristemente denominata anche “Piccola Cefalonia”) per mano germanica, per non aver deposto le armi dinanzi alle pretese di sopraffazione e alle minacce di brutale ritorsione dopo i fatti susseguenti all’Armistizio dell’8 Settembre 1943.

L’evento è stato altresì l’occasione per illustrare ai presenti l’encomiabile attività profusa negli anni dal Comitato Caduti di Kos 1943, finalizzata a salvare dall’oblio la memoria dei 103 Ufficiali Italiani, all’epoca dei fatti inquadrati nel 10° Reggimento Fanteria “Regina” sull’isola di Coo/Kos, i cui corpi, dopo l’eccidio, furono interrati in fosse comuni, delle quali ne furono individuate solamente otto, da cui furono esumati 66 (di cui solo 42 riconosciuti), mentre l’esito di una successiva campagna di scavi avviata, a cura e spese dei citato Comitato, nel 2015, portò al ritrovamento di due ulteriori scheletri umani.

Conclusioni affidate all’Avv. Simone Di Leginio, il quale ha tenuto a ribadire come, in sinergia con il Comitato Caduti di Kos 1943, e su iniziativa dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci - Federazione Provinciale di Latina, la Giunta Nazionale della richiamata Associazione, con la seduta dell’8 Febbraio 2022, ha deliberato di farsi promotrice, presso le competenti Istituzioni civili e militari nazionali, di ogni opportuna iniziativa finalizzata a promuovere l’avvio del procedimento per la concessione della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Bandiera di Guerra del 10° Reggimento Fanteria “Regina”, di stanza nell’isola di Coo/Kos (Dodecaneso) fino al 1943, con lo specifico intento di onorarne e perpetuarne la memoria, il cui iter presso il Dicastero della Difesa è attualmente in corso di istruttoria.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604