L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Lucioni in allenamento (foto Fb Frosinone Calcio) Lucioni in allenamento (foto Fb Frosinone Calcio)

Frosinone, il punto sul calciomercato tra entrate e uscite

Roberto De Luca

Giovani, affamati e con il talento come miglior compagno di viaggio. È nel segno di questo timbro che il nuovo Frosinone sta prendendo forma. Quella di mercoledì è stata una giornata estremamente calda sul fronte calciomercato. Con il benestare, ovviamente, di Fabio Grosso che sta già pensando a come tirare fuori il massimo da questi ragazzi che si sono ritrovati venerdì pomeriggio al Fontana Olente di Ferentino prima di dare il via al ritiro estivo di Fiuggi dove resteranno fino al termine del mese di luglio. Nel versatile 4-3-3 di partenza che ha in mente l’allenatore nativo di Roma, ci sarà spazio per tutti. Con l’auspicio che nuovi Gatti e Zerbin possano esplodere e sprigionare le loro potenzialità. 

Fabio Grosso (foto da Frosinonecalcio.com)
Fabio Grosso (foto da Frosinonecalcio.com)

LE ENTRATE - Come confermato dal presidente Stirpe in conferenza stampa, dal Sassuolo arrivano Stefano Turati (2001), Riccardo Ciervo (2002) e Luca Moro (2001). Portiere, ala e centravanti per riempire al meglio le caselle lasciate vuote dalle partenze di Federico Ravaglia, Alessio Zerbin e Gabriel Charpentier. Approdano tutti con la formula del prestito all’ombra del Campanile (sono già a Fiuggi, manca solo l’ufficialità, ndr), parallelamente ad Ilario Monterisi (2001), difensore centrale proveniente dal Lecce. Discorso differente, in termini anagrafici, per Fabio Lucioni. Annata 1987, ha rappresentato quella ghiotta opportunità che il direttore Angelozzi ed i suoi collaboratori sono stati bravi a cogliere al volo per esperienza e affidabilità. Già ufficializzato il suo ingaggio a titolo temporaneo dal Lecce, andrà certamente a rinforzare la retroguardia. 

Luca Moro
Luca Moro

NOVITÀ MACEJ - Ma la novità, come anticipato giovedì scorso, conduce in Repubblica Ceca. Classe 2004, 18 anni compiuti e tanta voglia di stupire. Tratti identificativi di Daniel Macej, giovane difensore ceco che è finito prepotentemente nel mirino dei Ciociari. Ben strutturato fisicamente (sfiora i due metri di altezza) e in possesso di buone doti tecniche, nell’ultimo anno si è ritagliato uno spazio da protagonista a presidio della retroguardia dell’Under 19 del Baník Ostrava ed è stato osservato a lungo, con grande attenzione, dall’area scouting giallazzurra. Ventuno le presenze complessive totalizzate nella Dorosrenecka Liga, arricchite da 3 marcature messe a segno. Ora, ad attenderlo, ci sarà con ogni probabilità una nuova avventura all’ombra del Campanile. Da capire se militerà nella formazione Primavera oppure in prima squadra, di certo per lui la Ciociaria è ormai vicinissima. 

Daniel Macej (foto Fb Akademie FC Baník Ostrava)
Daniel Macej (foto Fb Akademie FC Baník Ostrava)

RICCI IN TURCHIA, KLITTEN AL SILKEBORG - Per quel che riguarda il centrocampo, come già raccontato, nel tardo pomeriggio di mercoledì è stata raggiunta un’intesa di massima con il Karagümrük per la cessione (a titolo temporaneo con opzione di acquisto) in Turchia di Matteo Ricci (1994). Si attende l’ufficialità che, invece, questa mattina è arrivata per il trasferimento in prestito con diritto di riscatto di Lukas Klitten (2000) al Silkeborg IF. Sul sostituto per la corsia mancina, va segnalato come il Frosinone abbia continuato a monitorare il polacco Kamil Pestka (1998) del KS Cracovia dopo i contatti già avvenuti a gennaio, acquisendo informazioni conoscitive. I costi della potenziale operazione, però, rendono fuori portata un possibile affare.

Kamil Pestka
Kamil Pestka
 

KUJABI PER LA MEDIANA - Tornando alla mediana, fattore cittadinanza permettendo (non dovrebbero esserci particolari problemi a riguardo, ndr), Kalifa Kujabi è il primo profilo individuato per andarla a puntellare. Se tutto andrà per il verso giusto, firmerà un contratto triennale. Gambiano, reduce da una grande annata disputata in D con la maglia della Torres, abbina forza fisica e tecnica. Strappi palla al piede imperanti, tanto cuore e polmoni infiniti i suoi elementi distintivi, da implementare seguendo i dettami di Fabio Grosso.

Kujabi in azione
Kujabi in azione

Di base è un centrocampista centrale, ma può fare benissimo anche la mezzala. Ecco perché bisognerà capire le intenzioni “di campo” sulla sua collocazione, considerata la presenza di Daniel Boloca. Se l’ex Muravera venisse inquadrato come interno di centrocampo, con ogni probabilità arriverebbe un altro play. Di sicuro sta nascendo un Frosinone rinnovato ma con ampi margini di crescita grazie alle doti insite in tutti questi ragazzi scovati dalla dirigenza. E siamo soltanto all’inizio. 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604