L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Pallanuoto Frosinone Pallanuoto Frosinone

Pallanuoto Frosinone, nel caldo di luglio è tempo di bilanci

Volge al termine la stagione agonistica 2021/22 e per il Frosinone Pallanuoto è tempo di bilanci. La prima squadra ha raggiunto il quinto posto nel girone Lazio della serie C, con 21 punti conquistati su 16 partite. Sul campo, sarebbero stati 27, ma la posizione di classifica finale non sarebbe cambiata. La squadra di coach Fabrizio Spinelli ha funzionato a intermittenza, ma non può che esserci soddisfazione. Sono tantissimi infatti gli esordienti che hanno trovato spazio in questa giovanissima formazione, che non può che crescere e migliorare sempre di più.

Quasi tutti gli U16 e gli U18 hanno potuto trovare spazio in prima squadra. E i risultati si sono visti anche nei rispettivi campionati, terminati in crescendo e con altra marcia rispetto ai gironi d’andata. Soprattutto l’U16 è formata da tanti ragazzi sotto età ed è normale che a oggi non possano essere competitivi come atleti di categoria. Ma lo sguardo della società è sempre rivolto al futuro: la volontà rimane quella di creare una squadra senior composta solo di atleti ciociari, l’unica di Frosinone in serie C, quella di livello più alto.

Il futuro allora non possono che essere gli U12 e gli U14 di coach Federico Ceccarelli. Due di loro hanno addirittura trovato spazio e gol in prima squadra a 13 anni. Nei rispettivi campionati, i leoncini hanno ben figurato, sfiorando la qualificazione alle fasi finali con l’U14. A dir poco stupenda poi l’esperienza del gruppo U12 all’HaBa WaBa International Festival, una di quelle che ti segna in positivo la vita, sia a livello sportivo che umano. Il Frosinone Pallanuoto è il primo e unico club ciociaro ad aver partecipato al torneo per U12 più importante del mondo.

Queste le parole del capo allenatore gialloblù, Fabrizio Spinelli: «Siamo molto soddisfatti della prima squadra, che con un roster di giovanissimi è riuscita a salvarsi agevolmente e a fornire ottime prestazioni anche contro le squadre più attrezzate. Più bassi che alti per l’U18, che non è mai riuscita a trovare continuità in campionato. Per la prossima stagione - insieme alla dirigenza e agli altri tecnici - stiamo già pianificando gli obiettivi. Uno su tutti: migliorarci costantemente puntando sul nostro vivaio».

Necessari alcuni ringraziamenti: «Devo ringraziare il nostro dirigente Antonio Ceccarelli, sempre presente anche nei momenti più complicati. Poi il doc Simone Pasini, che ci ha davvero fornito una spinta in più con la sua competenza, la serietà e l’entusiasmo con cui ha approcciato all’attività. Il lavoro svolto da Federico Ceccarelli è sotto gli occhi di tutti, così come la passione che trasmette ai suoi atleti. Nota di merito a Riccardo Fiorini, che per la prima volta si è cimentato come allenatore dei Master, una buona palestra per il futuro. Poi ci sono gli atleti: abbiamo superato insieme momenti difficili e siamo diventati squadra. Un patrimonio da conservare e rinnovare nella prossima stagione, che ci dovrà vedere in lotta nella parte alta della classifica».

«Ormai da qualche stagione stiamo facendo passi importanti verso la pallanuoto che conta», inizia coach Federico Ceccarelli. Che continua: «Abbiamo il miglior vivaio della provincia, ci sta dando e ci darà grandi soddisfazioni. La prima squadra poi ha fatto davvero bene, con una squadra giovanissima e quasi interamente made in Ciociaria ha dimostrato di potersela giocare alla pari con tutti. A settembre ripartiremo per migliorare ancora, è la nostra mentalità, non possiamo fermarci. La prossima stagione vogliamo sorprendere ancora di più, sia in serie C che con le giovanili».

Ancora Ceccarelli: «Siamo una grande famiglia e forse questo è il segreto di così tanti successi. Ci vogliamo bene, nuotiamo tutti nella stessa direzione. Quest’anno è stato bellissimo giocare con ragazzi che alleno durante la settimana, davvero gratificante. Il nostro obiettivo deve essere lanciare i nostri giovani nella pallanuoto che conta. Ringrazio tutti, dai ragazzi ai genitori, che supportano e sopportano ogni nostra richiesta».

Menzione speciale per il doc Simone Pasini che «quest’anno ha fatto un lavoro davvero straordinario. Fabrizio - Spinelli, ndr - è stato, è e sempre sarà un riferimento importante per questa società e non lo scopro certo io. Un grazie anche ad Antonio Ceccarelli, che ormai ha preso fin troppo a cuore questa causa. Ultimo ringraziamento a Matilde: tutto l’anno ci ha supportato con le giovanili e la prima squadra, facendosi volere bene da tutti. I successi di questa annata sono merito di queste persone qui».

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Stefano Di Scanno

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604