L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Castelnuovo Parano, eventi all'insegna di nuove prospettive, ma nel solco della tradizione

Eventi e celebrazioni saranno al centro del programma culturale tramite il quale verrà valorizzato l’antico Castello sito in Castelnuovo Parano, località Terra, oggetto di un recente e accurato programma di restauro.

Il tutto ha avuto inizio volendo avvalorare un fil rouge del territorio, quale si rivela la produzione e la commercializzazione del marmo estratto dai Monte Ausoni. Il Comune di Castelnuovo, supportato dal Cosilam e dal Consorzio Industriale del Lazio, ha perseguito l’obiettivo di far riemergere l’antico complesso attraverso misure che ne hanno riqualificato la struttura. In particolare, il circuito murale che cinge la torre è stato completamente rinnovato ed, inoltre, è stato predisposto un sentiero funzionale che risponde all’esigenza di fruibilità. A completare il tutto è stato destinato un impianto di illuminazione, adibito a valorizzare le peculiarità architettoniche dell’opera e a farne emergere il profilo nel panorama circostante. Ci si trova dinnanzi ad un vero e proprio esempio di eredità e patrimonio culturale trasmesso alle future generazioni.

In siffatta cornice nella serata di lunedì 8 agosto verrà accolto Enzo Decaro, celebre rappresentante del Trio La Smorfia che negli anni ‘70 ed ‘80, forte in egual misura dei talenti di Massimo Troisi e Lello Arena, ha costituito un cult della comicità partenopea.

In ossequio alla Canzone Napolitana, alla quale è dedicata la serata, presenzieranno inoltre Gianfranco Iervolino (noto per la sua ricorrente partecipazione alla trasmissione Rai Detto Fatto), il chitarrista Alessandro Minci, nonché il solista di contrabbasso Maurizio Turriziani, il cui contributo alla storia musicale è indissolubilmente legato alla Sua vicinanza con l’indimenticabile Maestro Ennio Morricone.

Non da ultimo è fondamentale rammentare il contributo che in termini di tutela e valorizzazione è stato realizzato dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Frosinone e Latina all’interno della Chiesa di Sant’Antonio Abate. L’attività di restauro ha consentito di riportare alla luce le peculiarità di un ciclo pittorico altamente significativo per quel che concerne la storia dell’arte e del territorio germogliata tra gli inizi del tredicesimo e la fine del quattordicesimo secolo.

Si evince, in questo modo, l’impegno dell’Amministrazione nel voler perpetuare una gestione che colga le potenzialità del territorio, ponendo al centro di questa volontà l’obiettivo di modernizzare restando fedeli alle tradizioni.

Fabiana Di Fazio

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604