L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Un collage con le foto dei personaggi premiati Un collage con le foto dei personaggi premiati

Cassino Città per la Pace, tutti i nomi dei premiati

Sabato 10 settembre alle ore 18 nell'Aula Pacis di Cassino si terrà la prima edizione del Premio Internazionale Cassino Città per la Pace, una manifestazione nata nel 2019 con l'intento di premiare chi col suo operato quotidiano contribuisce a riaffermare il ruolo attribuito a Cassino dall'Assemblea generale dell'ONU del 1987, quale città messaggera di pace nel mondo.
«Nulla è lasciato al caso - scrivono gli ideatori e promotori dell'evento - perché il premio conferito sarà un'opera d'arte realizzata dalla pittrice e scultrice Silvana Landolfi che mosse i primi passi nel mondo dell'arte quando da adolescente si iscrisse al Liceo artistico di Cassino e poi all'Accademia delle belle arti di Frosinone. 

L'opera ha per soggeto le mani dell'uomo come strumento reale e simbolico dei suoi interventi sul mondo circostante. Interventi umani che possono realizzare opere di progresso e di miglioramento del nostro ambiente di vita ma che, troppo spesso, per brame di potere e di arricchimento possono portare a squilibri ambientali e distruzioni di estese aree del pianeta.  Un cammino sinestetico, quello del Premio Internazionale Cassino Città per la Pace, perché accompagnato dal prestigioso Coro San Giovanni Battista diretto dal maestro Fulvio Venditti a testimoniare l'importante azione che "le arti" svolgono nel percorso di  costruzione della cultura della pace che necessita di essere continuamente alimentato con varie forme espressive capaci di stimolare sensazioni e sentimenti positivi.

Un particolare plauso e ringraziamento al Dirigente scolastico Licia Pietroluongo e alla Docente Maria Teresa Murro del Liceo Artistico di Cassino per aver condiviso l’iniziativa già dal 2019 e aver realizzato l’originale grafica della locandina che accompagna e impreziosisce ancor più questa prima edizione del Premio Internazionale Cassino Città per la Pace. 

Ed ecco i nomi dei premiati e menzionati della prima edizione del Premio Internazionale Cassino Città per la Pace: 

Giuseppe Campoccio atleta nazionale Paralimpico che porta e ha portato il nome di Cassino alla ribalta internazionale grazie alle medaglie vinte; Carmine Calce ideatore 30 anni fa della Maratona di Primavera “Facciamo fiorire la Pace” e della Fiaccola della Pace; Antonio Grazio Ferraro e Mario Alberigo (alla memoria in qualità di già Sindaci della città di Cassino) che dopo il periodo della ricostruzione materiale iniziarono a pensare a Cassino come Città per la Pace e della fratellanza; Assitec Volley Sant’ Elia per aver messo in atto il principio di solidarietà, prestando un fattivo aiuto al popolo ucraino nel momento del bisogno grazie alla Presidente Silvia Parente e al coniuge Gianfranco Treglia nonché ai dirigenti Gino Torrice e Angelo Palombo promotori e realizzatori dell'iniziativa di pace e solidarietà; Bohdana Voiat giovane ucraina che vive a Leopoli, simbolo della resistenza culturale giovanile contro ogni forma di sopraffazione a ricordare i giovani di Cassino a cui il secondo conflitto mondiale spezzò sogni e percorso di vita; Luigi Russo per l'impegno profuso nella conservazione della memoria storica e la promozione della cultura della pace nei territori testimoni della barbarie bellica;
Florenza Melano (alla memoria) crocerossina, fu la prima donna a prestare soccorso negli ospedali da campo sul fronte di Cassino; Patricia Tomaino Ndam Njoya, Deputata al Parlamento del Camerun e Presidente delle donne manager delle Aziende di Caffè dell’Africa con uno zio e il nonno che hanno combattuto nelle Battaglie di Cassino e Montecassino con l’esercito Camerunense aggregato a quello inglese, testimoni oculari delle Battaglie di Cassino e Montecassino; Simone Frignani, ideatore del Cammino di San Benedetto nel decimo annuale dell’inizio del cammino quale forma per ciascun uomo di ritrovare la pace camminando; Don Gerardo Antonazzo Vescovo della Diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo guida spirituale del popolo cassinate; Fabrizio Casinelli giornalista professionista simbolo di una professione che tra molteplici difficoltà tende a salvaguardare la libertà di informazione quale condizione fondamentale per la democrazia e la pace.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Stefano Di Scanno

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604