L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Un'esultanza sotto la Curva (Foto frosinonecalcio.com) Un'esultanza sotto la Curva (Foto frosinonecalcio.com)

Frosinone, sei vittorie di fila e prove tecniche di fuga: i giallazzurri continuano a volare

Roberto De Luca

 

Profilo basso e piedi ben saldati a terra. Grosso ci sta provando in tutti i modi, facendo ricorso al leitmotiv tipico di chi osserva tutti dall’alto: «Sarà necessario mantenere l’equilibrio giusto in tutte le situazioni». La classifica della Serie B, invece, parla in modo eloquente: una squadra forte e vincente come il suo Frosinone è la dominatrice del campionato. Trenta punti ottenuti in 13 partite: vetta della graduatoria occupata con 10 vittorie e 3 sconfitte, tanta roba direbbero gli adolescenti contemporanei.

Fabio Grosso (foto frosinonecalcio.com)
Fabio Grosso (foto frosinonecalcio.com)

SESTA VITTORIA DI FILA - Il bottino ieri sera ha incrementato il suo quantitativo grazie al blitz di misura compiuto sul campo dell’Ascoli. Un successo sofferto, giunto al termine di un’altra gara sporca nella quale ad imperare sono stati più i duelli che il calcio giocato. I giallazzurri, però, hanno saputo calarsi benissimo nella situazione dimostrando ancora una volta le loro qualità camaleontiche. L’espulsione di Collocolo ad inizio ripresa ha cambiato le sorti dell’incontro, deciso poi da un gol di Insigne su servizio al bacio di Mulattieri. La gestione del vantaggio, specie considerando la superiorità numerica, ha lasciato un po’ a desiderare con qualche sofferenza di troppo ma alla fine la sesta affermazione consecutiva è divenuta realtà.

LA GESTIONE - E nel Giro d’Italia della cadetteria la tappa di Ascoli Piceno andava certamente inserita tra le più impegnative. La risposta arrivata dal “Del Duca” ha rassicurato i tifosi, distribuendo ulteriori segnali positivi che delineano un orizzonte con cielo sereno e privo di nuvole. La squadra di Bucchi ha fatto il possibile per rallentare l’andatura della banda Grosso, ma in questo momento chiunque sembra infrangersi contro un muro. Perché il Leone in questa corsa a tappe pedala dando l’impressione di non fare fatica. Anzi, diffonde l’idea di chi riesce a gestire gli sforzi e la velocità in base all’avversario che ha davanti, attendendo con lucidità i momenti propizi della partita anche grazie ad una rosa lunga e di qualità che spesso, attraverso i cambi, indirizza gli epiloghi delle sfide. Ieri è successo con Insigne, in precedenza con Borrelli e altri. 

Un'azione di gioco (foto Fb Ascoli Calcio 1898 FC SpA)
Un'azione di gioco (foto Fb Ascoli Calcio 1898 FC SpA)

LA FORZA DEI NUMERI - I numeri (lo abbiamo raccontato nei giorni scorsi, CLICCA QUI) sono da top team. Dopo la gara di ieri c’è il temporaneo +8 su Reggina e Genoa che attribuisce quell’impronta straordinaria al cammino tenuto finora. C’è la solidità di una difesa che continua a non subire gol (è la migliore del campionato con 7 reti incassate) grazie ad una fase di non possesso corale degna di nota. C’è la forza di un gruppo unito che sta sognando ad occhi aperti, guidato da un condottiero che, con merito, sta raccogliendo i frutti di un lavoro impeccabile: «Noi ora recuperiamo un po’, siamo contentissimi perché stiamo facendo qualcosa di straordinario: 10 vittorie in 13 partite, abbiamo 30 punti e le responsabilità aumentano. Questo era un gruppo partito con altro tipo di responsabilità però non devono pesare. Oggi (ieri, ndr) c’è stata un’altra bella dimostrazione di forza». Firmato, Fabio Grosso. Lui e il suo Frosinone provano a scappare via. 

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Stefano Di Scanno

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604