L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Il sindaco di Anagni, Daniele Natalia Il sindaco di Anagni, Daniele Natalia

Anagni, l'ok alla Via al biodigestore, il Comune prepara il ricorso al Tar del Lazio

Il Sindaco di Anagni Daniele Natalia spiega come si sta muovendo l’Amministrazione Comunale contro il biodigestore: «La notizia di ieri sull’autorizzazione del biodigestore da parte della Regione Lazio in realtà non è arrivata come un “fulmine a ciel sereno”, ma era già nota. La determinazione regionale di “conclusione motivata di conferenza dei servizi” relativa al biodigestore è la n. G15288 dell’8 novembre 2022, ma già nell’ultima conferenza dei servizi del 9 agosto la Regione Lazio aveva approvato il progetto e annunciato il rilascio dell’autorizzazione.


Dopo l’approvazione del biodigestore da parte della Regione Lazio, l’Amministrazione Comunale, con un lavoro di concerto in Commissione Sanità, ha dato incarico legale al Prof. Franco Gaetano Scoca per presentare ricorso sia al TAR che alla Presidenza del Consiglio dei Ministri contro quella determinazione regionale e dunque contro il biodigestore.
Con il ricorso alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, presentato il 18 novembre, il Comune ha fatto notare “di aver partecipato alla conferenza di servizi esprimendo pareri negativi e rilevando – tra le altre cose – il contrasto dell’opera in oggetto con le norme urbanistiche e igienico-sanitarie”.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha ribadito, attraverso una nota, che secondo la legge in vigore, i comuni non hanno competenza in materia di tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, dei beni culturali e della salute e pubblica incolumità in quanto gli enti dotati di tali facoltà sono altri. Inoltre, spiegano da Palazzo Chigi, che non è di competenza di un comune il rilascio di pareri o atti necessari ad ottenere autorizzazioni per questo tipo di impianti. Tradotto in termini semplici: l’autorizzazione al biodigestore non è una competenza del Comune di Anagni e nonostante il parere negativo e l’opposizione espressa dall’Amministrazione e dai cittadini, il provvedimento è stato portato avanti lo stesso dalla Regione Lazio.

Nonostante questo, abbiamo comunque deciso di ricorrere anche al TAR ed il Prof. Scoca sta già lavorando alla presentazione del ricorso, in quanto riteniamo che gli atti autorizzativi della Regione Lazio siano viziati dal punto di vista procedurale e che la costruzione del biodigestore, così come concepito nel progetto autorizzato, non risponda né agli interessi né alle esigenze dei cittadini. Questo lo abbiamo già scritto nero su bianco e nel parere sanitario contrario, presentato in Conferenza dei Servizi, abbiamo anche evidenziato la motivazione   medico/scientifica che ci ha spinto ad opporci.

Un breve commento, poi, sulla determina regionale G15288: sull’atto è espressamente scritto che il parere positivo dato dalla Regione Lazio alla costruzione del biodigestore è legato alla bonifica del terreno. Lo avevamo già detto nella prima conferenza dei servizi che sarebbero state necessarie stringenti prescrizioni per la realizzazione di un impianto così impattante, prova del fatto che il Comune di Anagni aveva avuto ragione fin dall’inizio. La questione della bonifica non è di poco conto poiché la determinazione della Regione Lazio riporta chiaramente quali sostanze sono state trovate nel terreno dove deve essere realizzato il biodigestore, tant’è vero che è la stessa Regione a parlare di necessità della bonifica, andando ad autorizzare la costruzione di un impianto nonostante le conosciute e palesi problematiche dal punto di vista ambientale che già il nostro territorio presenta.
È anche partendo da questo presupposto che riteniamo, al netto del ricorso al TAR che presenteremo, quantomeno avventata la scelta della Regione Lazio di autorizzare, con certi presupposti, il biodigestore, segno tangibile della volontà politica ed amministrativa di non voler tenere in considerazione le legittime istanze dei cittadini di Anagni e dell’Amministrazione Comunale che li rappresenta».

Servizi sia sul numero de L'inchiesta - Quotidiano già in linea nella nostra edicola digitale che sul numero in uscita questa sera.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Stefano Di Scanno

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604